Trovato in sella ad uno scooter con telaio contraffatto, denunciato

Il ciclomotore è stato notato dai carabinieri, durante un posto di blocco, perché era privo di targa

Avrebbe dovuto essere, almeno per la pattuglia dei carabinieri, un ordinario controllo del territorio. In quel posto di blocco – allestito nel centro del paese – è però incappato un quarantenne in sella ad un ciclomotore. Uno scooter che, subito, a prima vista, è risultato essere privo di targa. Ma non soltanto perché, ad una ispezione più approfondita, i carabinieri della stazione di Casteltermini hanno appurato che quel “due ruote” aveva anche il numero di telaio contraffatto. Il castelterminese quarantenne, che era alla guida del ciclomotore, a quanto pare, non avrebbe saputo dare spiegazioni convincenti tant’è che è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. Dovrà, adesso, rispondere dell’ipotesi di reato di ricettazione.

Lo scooter è stato, naturalmente, subito sequestrato e, adesso, l’attività investigativa dei militari dell’Arma di Casteltermini – che sono coordinati dal comando compagnia di Cammarata – è indirizzata ad appurare la provenienza di quel ciclomotore.

Da dove e a chi è stato rubato? E qual è la strada che il mezzo ha seguito per arrivare a Casteltermini? Sono queste alcune delle domande che, in queste ore, si stanno ponendo i carabinieri della stazione cittadina. Servirà naturalmente del tempo per riuscire a dare delle risposte circostanziate. Non è escluso – ma a tal riguardo è fitto il riserbo investigativo – che il quarantenne possa tornare ad essere ascoltato, nel tentativo di fare rapidamente chiarezza, dagli investigatori. Nel frattempo, come procedura investigativa esige, tutte le denunce di furto presentate in provincia, ma non soltanto, vengono passate in rassegna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento