Caso La Gaipa, gli ex dipendenti in aula: "Ecco come ci estorceva parte dello stipendio"

Due lavoratori accusano l'albergatore-politico durante l'incidente probatorio e descrivono il sistema del "cavallo di ritorno"

Fabrizio La Gaipa

Uno stipendio formale perfettamente in regola con tanto di malattie pagate, indennità e previdenza varia, compresi gli 80 euro del "bonus Renzi". Peccato, però, che poi andava restituita gran parte della somma e si arrivava a uno stipendio effettivo di circa 500 euro. La prospettiva, nel caso in cui ci si fosse ribellati, sarebbe stata quella di perdere il lavoro.

Due ex dipendenti dell'albergo Costazzurra confermano in aula le accuse che hanno portato agli arresti domiciliari, con l'accusa di estorsione, l'imprenditore Fabrizio La Gaipa, 42 anni, primo dei non eletti all'Ars nelle fila del M5s. Lo hanno fatto, questa mattina per oltre ore, nel corso dell'incidente probatorio che si è celebrato davanti al gip Stefano Zammuto che due settimane fa ha firmato l'ordinanza cautelare che impone anche il divieto di dimora al fratello Salvatore La Gaipa, 46 anni, socio dell'attività ma coinvolto in misura minore perchè si sarebbe occupato solo occasionalmente della gestione del personale dell'hotel.

Caso La Gaipa, l'inchiesta si allarga ad altri episodi?

La Gaipa e il fratello sono arrivati in tribunale, autorizzati dal giudice, attorno alle 9,30 insieme ai loro difensori Diego Galluzzo e Calogero Petix. Poco distanti i due ex dipendenti che li accusano. Uno di loro, peraltro, ha registrato due conversazioni di nascosto che inchioderebbero Fabrizio La Gaipa alle sue responsabilità perchè si sente nitidamente discutere di termini, cifre e modalità della restituzione di una parte consistente, di oltre un terzo, dello stipendio. E' stata proprio la consegna degli audio, fatti di nascosto col cellulare circa un anno fa, a fare scattare la richiesta di arresto da parte della Procura.

La Gaipa si difende: "Nessuna estorsione, mi restituivano solo i soldi degli acconti che avevano ricevuto"

Neppure un incrocio di sguardi, nè un momento di tensione fra le parti. I due ex impiegati sono stati ascoltati dal giudice e da tutte le parti: il pm Gloria Andreoli, i difensori degli indagati e i loro stessi legali - gli avvocati Salvatore Maurizio Buggea ed Emanuele Dalli Cardillo (quest'ultimo compagno di tante battaglie politiche di La Gaipa col M5s) - che li assistono in qualità di "parti offese".

In oltre tre ore di udienza - che nella sostanza rappresenta un'anticipazione del dibattimento nella fase delle indagini e cristallizza una prova rendendola pienamente utilizzabile al processo - i due ex dipendenti hanno confermato quanto rivelato in precedenza alla squadra mobile che li aveva convocati dopo avere appreso da una "fonte confidenziale" dell'esistenza di un sistema di "pizzo" sulle buste paga.

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • Camilleri lotta fra la vita e la morte, Racalmuto lo ha già dimenticato

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • Camilleri resta in Rianimazione, il retroscena: 20 giorni fa si era rotto il femore cadendo in casa

  • Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento