"Carnàla", un brano per ricordare i "carusi" sfruttati nelle zolfare

Scritto e composto da Antonio Dubois, con il contributo di Gaspare Vaccaro, un giovane originario di Cianciana, è stato presentato il 12 agosto nel paese dell'Agrigentino

Antonio Dubois

S'intitola "Carnàla" il brano scritto e composto da Antonio Dubois, con il contributo di Gaspare Vaccaro, un giovane originario di Cianciana. È una canzone dedicata alle antiche zolfare e ai "carusi" che vi lavoravano in condizioni di sfruttamento. l brano è stato eseguito in pubblico per la prima volta il 12 agosto a Cianciana, davanti all'amministrazione comunale, che ha insignito il cantautore di una targa al merito artistico.

"Nella composizione - scrive Dubois in una nota - mi sono ispirato al dipinto intitolato 'Carnàla', realizzato dal ciancianese Dino Vaccaro e ai versi del poeta e drammaturgo Alessio Di Giovanni. I titolo è infatti espressione coniata dal Di Giovanni in 'Voci del Feudo' (1936) per dire 'carnaio di piccoli morti viventi', come si presentavano a lui, figlio di possidenti minerari della zona, questi ragazzini dati a prestito per anni di lavori forzati".

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento