Carcere "Petrusa" sovraffollato: fra i detenuti 94 lavoratori e 68 stranieri

I dati emergono dal documento redatto dalla Corte d’appello di Palermo per l’inaugurazione dell’anno giudiziario 

La capienza massima prevista è per 283 detenuti. In realtà, alla casa circondariale "Di Lorenzo" di Agrigento (al 30 giugno scorso) erano presenti 310 reclusi. Anche il carcere di contrada Petrusa - così come quasi tutti quelli del distretto, dove erano ristretti complessivamente 2.916 persone, - è oltre il limite della capacità ricettiva cosiddetta “regolamentare”. Emerge anche questo dal documento redatto dalla Corte d’appello di Palermo per l’inaugurazione dell’anno giudiziario. 

"Assalto ai soldi pubblici", indagini a tappeto su politici e imprenditori

"Le condizioni di vita dei ristretti - scrive, a livello generale di distretto, il presidente della Corte d'Appello - permangono alquanto problematiche. Specie nelle sezioni degli istituti destinate ai detenuti cosiddetti comuni, le presenze nelle celle sono di frequente eccessive e ciascuno di coloro che vi vivono finisce per fruire di uno spazio comunque esiguo, con le incidenze negative che ne discendono già solo sul piano della privacy e degli standard igienici. Ma vale la pena ribadire che non è certo la fredda contabilità in metri quadri a far sì che la pena detentiva non divenga inumana e degradante, e che non bisogna credere che la disponibilità di spazi più ampi sia la soluzione del problema carcerario italiano. A parere del presidente del locale tribunale di Sorveglianza ci si dovrebbe piuttosto preoccupare di mettere in atto tutti gli interventi compensativi diretti a far sì che la persona detenuta possa esercitare quanto più possibile i diritti fondamentali il cui esercizio è reso più difficile dalla sua condizione di reclusione. Ed invece le proposte formative scarseggiano e soprattutto quelle relative a corsi scolastici e a corsi professionali, gli uni e gli altri di fondamentale importanza nell'ottica del recupero sociale dei condannati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al "Petrusa" di Agrigento, su 310 solo 94 risultano essere detenuti lavoratori, non ci sono - sempre al 30 giugno scorso - tossicodipendenti e gli stranieri reclusi erano 68. A livello di distretto, la percentuale dei detenuti stranieri è lievemente aumentata, passando dal 19,62% al
19,82%; il dato percentuale dei detenuti stranieri sul totale è inferiore alla media nazionale che si attesta al 33,81%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento