Ha combattuto il racket delle estorsioni, cittadinanza onoraria al colonnello Mettifogo

Lo ha deciso il sindaco di Gela Domenico Messinese che ha concesso il riconoscimento anche agli imprenditori Nino Miceli e Salvatore Moncada

Il comandante provinciale dell'Arma dei carabinieri, Mario Mettifogo

Il colonnello Mario Mettifogo, comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, sarà cittadino onorario di Gela. A deciderlo è stato il sindaco Domenico Messinese che ha concesso la cittadinanza onoraria anche agli imprenditori Nino Miceli e Salvatore Moncada.

Il colonnello Mettifogo, insediatosi nel settembre del 2014 come comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, dal 1989 al 1993 è stato a capo del nucleo operativo prima e della compagnia territoriale di Gela dopo, in un periodo, dunque, di particolare recrudescenza mafiosa.

Diverse furono le indagini, in relazione al racket delle estorsioni operate da Cosa Nostra e dalla Stiddra, di cui il colonnello si occupò divenendo punto di riferimento della società. Ed adesso, dopo tanti anni, Messinese ha deciso - quasi sicuramente sorprendendolo - sarà cittadino onorario di Gela. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento