Cantiere trasferito al campo sportivo: netturbini in stato di agitazione

Lo denuncia il segretario generale del sindacato Confael, Manlio Cardella, che ha ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori

Foto d'archivio

Il lavoratori della Srr addetti al servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Naro "sfrattati" dal cantiere in cui hanno sinora avuto sede e trasferiti al campo sportivo. Lo denuncia il segretario generale del sindacato Confael, Manlio Cardella, che ha ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori.

I lavoratori eletti nella qualità di Rsu Giuseppe Piazza e di Rls, rappresentante della sicurezza, Vincenzo Riccobene contestano che "a farne le spese siano ancora una volta gli operatori ecologici dipendenti della Srr Ato4 Ag Gest". Questa società - continuano Piazza e Riccobene - "conferma di non essere mai entrata a pieno regime, apparendo in balia degli umori  dei comuni riunitisi  in maniera in Aro e delle imprese che in essi operano".  

"Ciò che è successo al Comune di Naro - continua Manlio Cardella - conferma  la grave confusione di competenze e responsabilità diluite tra Aro, Srr, Dedalo Ambiente in liquidazione ed  in gestione commissariale.  Tale stato confusionale si registra in tutti i comuni: Canicatti, Camastra, Campobello di Licata, Palma di Montechiaro, Licata, Ravanusa".

"La proprietà del sito del Comune di Naro nel quale si trovava ubicato il cantiere adibito al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi e urbani, - aggiunge Cardella - ha  eseguito un provvedimento di  sfratto, causa il mancato pagamento dell’affitto dei locali e del terreno, da parte della ex Dedalo Ambiente in liquidazione, rappresentata dal commissario straordinario Salvatore Gueli. A seguito di ciò, da ieri  gli operatori ecologici e i relativi automezzi da ieri si trovano allocati dal Comune di Naro, all’aperto ed all’addiaccio, nell’area di pertinenza del campo sportivo". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caso "Mare Jonio", indagato il comandante della nave Ong

  • Cronaca

    Gioco legale, il Comune impone orari di chiusura e distanza minima da scuole e ospedali

  • Video

    Caso Mare Jonio, parla l'armatore Caccia: "Niente atti scritti che vietano l'entrata in acque territoriali"

  • Cronaca

    Erosione ai piedi della Statale 640, Anas: "Nostro allarme inascoltato dal 2017"

I più letti della settimana

  • Vede palpeggiare la sorella dal balcone, scende e gli stacca l'orecchio a morsi: rinviati entrambi a giudizio

  • L'omicidio di Alessandria della Rocca, il 19enne fermato: "Non l'ho ucciso io, non abbiamo neanche discusso"

  • Rubano camion e trattore, braccati dalla polizia tentano la fuga per le campagne: ladro precipita in un dirupo e resta ferito

  • Scoppia l'incendio in una casa, tragedia sfiorata: in ospedale un 60enne

  • Impianti per l'umido chiusi, sarà una settimana di caos per la differenziata

  • "Trasportava rifiuti di notte", pizzicato e denunciato un netturbino

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento