"Assaltarono sanitaria con passamontagna e coltello", due a giudizio

La Procura chiede il processo per Fabio Rubbino, 22 anni, e Calogero Napoli, 34 anni: a tradirli la targa dell'auto usata per la rapina

In due si avvicinano con l'auto davanti alla sanitaria, uno scende armato di coltello e col volto coperto da passamontagna e inizia a gridare e minacciare il cassiere per farsi consegnare l'incasso. La reazione del commerciante li costringe alla fuga. La targa dell'auto, però, viene immortalata e i due presunti assalitori rischiano un processo. La Procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio di Fabio Rubbino, 22 anni, e Salvatore Napoli, 35 anni, entrambi di Canicattì, accusati di tentata rapina aggravata e porto ingiustificato di coltello. L'episodio al centro della vicenda risale al 26 gennaio del 2017. 

Napoli, con la sua Lancia Y, avrebbe accompagnato Rubbino, presunto rapinatore seriale coinvolto in numerosi altri fatti simili, nei pressi di una sanitaria, che avrebbero programmato di rapinare. Dall'auto scese il ventenne, che in passato, peraltro, è stato arrestato con l'accusa di avere messo a segno due tentativi di rapina, ai danni di un'edicola e di un negozio di abbigliamento, con una maschera bianca. Il ventenne, che anche in questa circostanza fallì il colpo, indossava un passamontagna per coprirsi il volto e, correndo verso il titolare, per intimorirlo, teneva in mano un coltello con una lunga lama a punta. 

Anche in questo caso, come già era accaduto per i due episodi precedenti, non ha portato a casa alcun bottino, per le reazione della vittima che lo ha messo in fuga. L'udienza preliminare, davanti al gup Alessandra Vella, per decidere se mandarli a processo, salvo che i loro legali non scelgano riti alternativi, è in programma il 25 marzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • La "fabbrica" dei falsi invalidi, ispettore della Digos: "Non c'era una sola banda ma erano due"

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento