Stipendi non pagati, i 57 operatori ecologici incrociano le braccia

A proclamare, per lunedì, una giornata di sciopero sono stati i sindacati confederali

(foto ARCHIVIO)

Lunedì, i 57 operatori ecologici in servizio a Canicattì incroceranno le braccia. A proclamare una giornata di sciopero sono stati i sindacati confederali. I netturbini protestano contro il mancato pagamento delle mensilità di ottobre, novembre e dicembre e anche i mesi di marzo e aprile. Nonostante un accordo sottoscritto, nei mesi scorsi, in Municipio, di soldi arretrati i lavoratori non ne hanno visto nemmeno l'ombra. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. L'accordo prevedeva il pagamento dello stipendio di novembre la settimana passata. A quanto pare, non ci sono però pagamenti preventivati in Comune. Il sindaco Ettore Di Ventura, ricevuto l'avviso dello sciopero, ha scritto al prefetto di Agrigento, alla Regione e alle imprese informando che l'ente, nonostante le difficoltà economiche, ha pagato regolarmente: ottobre 2018 parzialmente e tutte le altre in acconto in attesa di regolarizzare i rapporti con la Rti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento