Incendio del centro rifiuti di contrada Calandra: è stato un raid organizzato

Le immagini delle telecamere di sorveglianza hanno individuato tre uomini impegnati nel rogo che ha danneggiato mezzi per la raccolta dei rifiuti

Tre persone a volto coperto che hanno agito rapidamente e con decisione. Le immagini delle telecamere  a circuito chiuso della struttura di contrada Calandra, a Canicattì, contribuiscono alla ricostruzione della dinamica dei fatti della notte che ha portato al rogo di mezzi e attrezzature delle ditte che gestiscono il servizio di igiene ambientale. A riportarlo è il quotidiano La Sicilia.

Le immagini di videosorveglianza, infatti, hanno consentito di accertare che le persone coinvolte sono state tre: due hanno scavalcato la recinzione e hanno provveduto a cospargere di benzina i mezzi, mentre uno è rimasto a fare da "palo" fuori dall'impianto. Purtroppo i tre, riporta il giornale catanese, avevano il volto coperto. Si è trattato quindi di un raid ben organizzato e puntuale. Le indagini continuano a 360 gradi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento