Disservizi nella raccolta dei rifiuti, il Comune denuncia le ditte

Fino ad ora c'erano state delle contestazioni per inadempienze contrattuali, il raggruppamento temporaneo di imprese Sea-Iseda-Ecoin smentisce

(foto ARCHIVIO)

E' sui presunti disservizi che l'amministrazione comunale di Canicattì ha presentato una denuncia contro le ditte che gestiscono in città il servizio di igiene ambientale. La denuncia formalizzata ai militari della stazione di Canicattì - riporta oggi il Giornale di Sicilia - risale a qualche settimana fa. Il contenuto dell'esposto all'autorità giudiziaria verterebbe sui disservizi registrati nel servizio e soprattutto il paventato sciopero del personale di inizio maggio poi rientrato visto che l'amministrazione comunale di Canicattì ha impegnato le somme per la liquidazione delle spettanze già maturate.

La denuncia dell'Esecutivo Di Ventura su cui non si sono pronunciati i diretti interessati costituisce il primo atto formale di un contenzioso legale che sino ad oggi si è basato sullo scambio epistolare di contestazioni per inadempienze contrattuali e le contro giustificazioni del raggruppamento temporaneo di imprese Sea-Iseda-Ecoin.

La replica dell'azienda.

“Non c'è stata, a nostro carico, alcuna denuncia da parte del Comune di Canicattì per presunti disservizi legati al servizio di raccolta differenziata, ma esclusivamente per l'assemblea degli operatori ecologici del 9 maggio scorso, ma anche in questo caso abbiamo già spiegato agli organi competenti che le assemblee sindacali sono un diritto dei lavoratori che noi non possiamo proibire o vietare in alcun modo”.

Lo ha chiarito questa mattina, Gianni Mirabile, amministratore unico della Sea, impresa capofila dell'Aro Canicattì – Camastra a margine di alcune notizie imprecise e fuorvianti pubblicate da alcuni organi di informazione.

“L'assemblea del 9 maggio scorso – aggiunge Mirabile – si è tenuta nelle ultime due ore del servizio degli operatori ecologici, era stata annunciata e proclamata dalle organizzazioni sindacali di categoria e non ha causato alcuna interruzione di pubblico servizio. Cosa questa , che abbiamo già spiegato, carte alla mano e nei dettagli, ai Carabinieri della Compagnia di Canicattì. Invitiamo chi si occupa di informazione a verificare i fatti prima di trasformarli in notizie che possono danneggire la credibilità di aziende e persone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento