Maltrattamenti, truffe, rapine e stalking: 24 denunce nel giro di pochi giorni

Identificato l'uomo che, per problemi di vicinato, ha forato le gomme dell'auto dell'altro; la donna che s'è impossessata del bancomat di una pensionata e l'anziana che ha investito un motociclista senza fermarsi a prestare soccorso

Un giovane denunciato per gravi maltrattamenti all'anziana madre. Una cinquantenne che, approfittando della distrazione di una pensionata, ha prelevato - utilizzando in maniera fraudolenta il bancomat dell'anziana - quasi 4000 euro ed è stata deferita alla Procura per furto, ricettazione e indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento. Un quarantenne resosi responsabile di minacce, per futili motivi, nei confronti di un vicino di casa. Una trentenne di Napoli è stata accusata del reato di truffa poiché, con raggiro informatico, aveva incassato con carta postepay una somma di denaro quale corrispettivo di una falsa stipula di assicurazione auto. Ed ancora due uomini, titolari di una ditta, denunciati per raggiro di un loro fornitore da cui avevano acquistato della merce per quasi 7.000 euro, emettendo titoli senza copertura finanziaria e altri due uomini - padre e figlio - deferiti perché ritenuti responsabili di lesioni gravi ai danni di un uomo che è stato picchiato per futili motivi e al quale hanno provocato fratture) giudicate guaribili in circa 30 giorni. 

I poliziotti del commissariato di Canicattì, coordinati dal vice questore Cesare Castelli, hanno denunciato - nelle ultime settimane - 24 persone. Le attività investigative sono state avviate, in molti casi, dopo le denunce dei cittadini, ma anche d'ufficio. Il questore di Agrigento, Rosa Maria Iraci, ha inoltre potenziato il servizio di controllo sul territorio, per la prevenzione e repressione dei reati, e le "risposte" - per garantire legalità e sicurezza - sono arrivate immediatamente.

Un sessantenne, trovato completamente ubriaco alla guida della sua auto, è stato denunciato. S'è evitato, di fatto, un qualche incidente stradale. Ma è stata deferita, per atti persecutori nei confronti dell'amante, una giovane che non accettava la fine della relazione clandestina e che tormentava l'uomo. E' stato identificato il quarantenne che, commettendo atti persecutori, ha estorto del denaro e ne continuava a chiedere alla donna con la quale aveva intrattenuto una relazione sentimentale. Nei guai è finito un trentenne perché, per futili motivi, avrebbe picchiato la propria giovane fidanzata, refertata con 30 giorni di prognosi.

Scovato e denunciato l'autore dei furti di materiale idraulico; identificati i due giovani che hanno rapinato, minacciando con un coltello, un uomo costretto a consegnare il marsupio con i soldi e il cellulare. Ed ancora: deferito un uomo, che non rispettando l’ordinanza del giudice, aveva omesso di garantire i mezzi di sussistenza ad una donna, e al figlio minore, da cui si era recentemente separato; denunciato per evasione un pregiudicato che era sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e che è stato trovato in un bar a disturbare i presenti. Segnalato un sessantenne che, per futili motivi, profferiva minacce e pesanti offese nei confronti della ex compagna; un uomo che, per controversie inerenti un lascito ereditario, aveva minacciato e malmenato un familiare; per il reato di lesioni personale, minacce ed intralcio alla giustizia, è stato deferito alla Procura un cinquantenne che pretendeva che la persona presa di mira dichiarasse il falso in un giudizio.

I poliziotti del commissariato di Canicattì hanno anche denunciato un quarantenne che, non rispettando le norme inerenti la custodia dei mezzi sequestrati, aveva sottratto l'autoveicolo sottoposto a sequestro; un giovane, resosi responsabile di furto in abitazione; una anziana che ha causato un incidente con un ferito ed ha omesso di prestare soccorso al giovane motociclista. La donna dovrà rispondere di omissione di soccorso e lesioni personali colpose. Segnalato un extracomunitario che è stato ritenuto responsabile di atti persecutori ed estorsione ai danni di una donna con cui aveva intrattenuto una relazione sentimentale extraconiugale. L’indagato aveva ottenuto ingenti somme di denaro ed altre ne richiedeva con la minaccia di divulgare sui social network filmati imbarazzanti. Denunciato un giovane perché, per futili motivi, aveva minacciato un conoscente; un giovane romeno, trovato alla guida di una autovettura in stato di evidente ebbrezza, è stato segnalato per rifiuto di sopporsi ad accertamenti sullo stato di ebbrezza alcolica ed infine denunciato un sessantenne che, per futili questioni di vicinato, ha forato - l'ipotesi di reato è danneggiamento aggravato - i pneumatici del veicolo del vicino di casa appunto. 

             

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Incidente a San Leone: auto contro un muro, perde la vita un 32enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento