Randagi senza tregua, cani uccisi da "polpette" stracolme di veleno

Sono diversi i licatesi che chiedono aiuto all’Amministrazione comunale, gli avvelenamenti sono sempre più recenti

I randagi di Licata sono senza tregua. Non troppi giorni fa delle esche avvelenate avevano ucciso dieci cani, ieri un nuovo caso.  Alcune volontarie si sono accorte che all’appello mancava un altro cane, madre di diversi cuccioli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Il fatto è accaduto a Mollarella. Le esche che qualcuno starebbe usando sono delle polpette stracolme di veleno. Sono diversi i licatesi che chiedono aiuto all’Amministrazione comunale, gli avvelenamenti sono sempre più recenti. Gli animalisti sperano in un controllo maggiore, affinché si possano scongiurare nuove stragi di cani randagi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • Grigliata notturna fra amici e assembramenti: 10 sanzioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento