Reclutati per lavorare nei campi a 3 euro l'ora, ma l'organizzazione guadagnava 1 milione a stagione: 8 i fermi

I lavoratori, nella maggior parte dei casi ucraini e moldavi, arrivavano - fra Campobello di Licata, Naro e Canicattì soprattutto - con permessi turistici che gli facevano ottenere le due donne: sono madre e figlia le promotrici dell'organizzazione

Un momento della conferenza stampa

Il fermo si è reso necessario perché fra gli otto fermati - l'ultimo provvedimento è stato notificato a metà mattinata - ci sono diversi cittadini stranieri che, dalle indagini, fanno avanti e indietro dai loro paesi di origine. C'era quindi un concreto pericolo di fuga. A finire nei guai - gli indagati dovranno rispondere, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla illecita intermediazione ed allo sfruttamento del lavoro, nonché di violazione delle disposizioni contro l’immigrazione clandestina - sono state due donne: madre e figlia ritenute le promotrici della presunta associazione. Si tratta di due donne di origine slovacca. In qualità di complici nella gestione delle attività, sono stati anche fermati due romeni e quattro italiani. I provvedimenti di fermo sono stati notificati a Viera Cicakova di 59 anni, Veronika Cicakova di 27 anni, all’ucraina Inna Kozak, 26 anni; all’agrigentino Rosario Burgio di 42 anni; a Rosario Ninfosì, 52 anni, di Palma di Montechiaro; Vasile Mihu, romeno, di 43 anni; Emilio Lombardino, 46 anni, di Porto Empedocle; di Giovanni Gurrisi, 40 anni, di Agrigento e del romeno Neculai Stan di 62 anni. 

"Facevano arrivare lavoratori dell'Est per sfruttarli nelle campagne": 7 fermi

I lavoratori, nella maggior parte dei casi ucraini e moldavi, arrivavano - fra Campobello di Licata, Naro e Canicattì soprattutto - con permessi turistici. Proprio le due donne e gli altri membri dell’organizzazione facevano ottenere ai futuri braccianti i visti che consentissero l’ingresso negli Stati ai confini orientali dell’Unione Europea. I braccianti transitavano dunque dalla Polonia e, approfittando della libera circolazione prevista dal trattato di Schengen, arrivavano in Italia con degli autobus. Una volta arrivati nell’Agrigentino, i circa 100 braccianti ucraini sono stati “ospitati”, pagando un affitto da 100 euro a posto letto al mese in diverse abitazioni messe a disposizione dai membri dell’organizzazione e, di fatto, erano pronti per essere sfruttati nei campi. Le due promotrici e gli altri intermediari contrattavano a questo punto le prestazioni con i proprietari dei fondi e delle aziende agricole e, una volta raggiunto l’accordo, gli operai venivano trasportati, in condizioni di estremo disagio, su una vera e propria flotta di minivan e furgoni condotti dagli stessi caporali. Le indagini hanno accertato che in alcuni casi sono state caricate anche 40 persone su un unico furgone. I carabinieri hanno inoltre accertato che ogni lavoratore “costava” circa 42 euro al giorno, ma riceveva una paga corrispondente a meno di 3 euro all’ora, molto al di sotto del limite minimo retributivo previsto dal contratto provinciale del lavoro.

IL VIDEO. Costretti a lavorare per 10-12 ore nei campi per pochi euro": le immagini dell'inchiesta "Ponos"

Gli 8 fermi scattati a seguito dell'inchiesta denominata "Ponos": che è la dività greca depositaria dello spirito del lavoro duro e della fatica sono stati eseguiti dai carabinieri del comando provinciale di Agrigento e da quelli del nucleo Ispettorato del lavoro, tutti coordinati dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dal sostituto Gloria Andreoli.  

IL VIDEO. Giro di permessi turistici per fare arrivare i braccianti: una donna ha abortito durante il lavoro sui campi

Nei campi, le condizioni di lavoro erano strazianti: braccianti costretti a stare in piedi per ore, a sgrappolare l’uva o a raccogliere le pesche, senza poter fare pause o riposarsi, non potendosi sedere nemmeno su una cassetta di frutta. Gli investigatori hanno anche registrato il verificarsi di un aborto, durante le ore lavorative. I braccianti non avevano alcun dispositivo di protezione e lavoravano fra le 10 e le 12 ore al giorno, 7 giorni su 7, festivi compresi, costantemente intimoriti e controllati dai caporali.

Il giro d’affari, in termini di guadagno dell’organizzazione e di risparmi illecitamente ottenuti dai committenti in relazione ai mancati versamenti previdenziali ed altro, è stato stimato in circa un milione di euro a stagione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento