"Maltrattamenti in famiglia", arrestato per espiare la pena definitiva

Il quarantunenne dovrà stare per un mese e ventisei giorni ai domiciliari. Ad eseguire l'ordinanza del tribunale di Sorveglianza sono stati i carabinieri

Carabinieri durante un giro di perlustrazione

Deve espiare la pena definitiva di un mese e 26 giorni. E' in esecuzione di un'ordinanza di carcerazione, emessa dal tribunale di Sorveglianza di Palermo, che i carabinieri hanno arrestato L. S., disoccupato di 41 anni, di Campobello di Licata.

L'uomo è stato ritenuto "colpevole - rendono noto i carabinieri - per il reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi. Fatti commessi a Termini Imerese nell’anno 2014".

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato accompagnato nella sua abitazione e sottoposto alla pena alternativa della detenzione domiciliare, a disposizione dell’autorità giudiziaria mandante.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Anomalie nella raccolta differenziata? Il Comune affida i controlli a impresa

  • Cronaca

    Sparatorie e incendi di auto, Patronaggio: "Predomina la logica della vendetta familiare"

  • Cronaca

    "Hanno catturato un centinaio di ricci", scatta una multa da 4 mila euro

  • Cronaca

    Progetto Ravanusella, consegnati i lavori per gli alloggi a canone sostenibile

I più letti della settimana

  • Sorpresi a "rubare ciclomotori a San Leone", la polizia arresta due giovani

  • Schianto fra due auto sulla statale 640, ferite due donne: una è grave

  • Duplice tentato omicidio a Palma di Montechiaro, eseguiti due fermi

  • San Leone come Venezia, agrigentini in "gondola" lungo il viale Falcone e Borsellino

  • Elicottero privato atterra tra le auto nel parcheggio di San Leone

  • Bomba d'acqua sull'Agrigentino: strade allagate, auto in panne: è emergenza

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento