Il campetto perde l'omologazione, il privato pronto a pagare

La società "Athena" costretta a giocare a Campofranco si dice pronta a farsi carico delle spese

Il campo di calcio perde l'omologazione, perché scaduta, e rimane inutilizzabile per finalità agonistiche. E' accaduto ad aprile, quando la struttura di Fontanelle non è risultata più sfruttabile per la società "Athena" che qui giocava e si allenava militando nel campionato di calcio ad 11. Così la squadra è stata costretta a trasferirsi a Campofranco, con costi aggiuntivi dovuti alle trasferte. Adesso l'interessamento della 5a commissione consiliare, la quale ha registrato la disponibilità del privato a sostenere economicamente il costo dell’omologazione pur di poter giocare a "casa".

Una ipotesi che gli uffici sembrano aver ritenuto percorribile, pur trattandosi di una soluzione provvisoria. L’idea sarebbe infatti quella di portare a scomputo la spesa sostenuta dalla squadra rispetto al costo di cui la stessa avrebbe dovuto farsi carico pagando le tariffe previste per l’utilizzo del campo di calcio che, tuttavia, dovrà rimanere a disposizione anche di altre eventuali società “in periodi non conflittuali con la società Athena”. Del resto la gestione privata di questo campo non sembra far gola a nessuno: già in passato si erano svolte due manifestazioni di interesse nel tentativo di far “adottare” l’impianto, senza che però siano mai giunte proposte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento