Calogero Falsone sta male, il tribunale dispone una perizia medica

I giudici, accogliendo in parte le richieste del difensore, hanno disposto di verificare la compatibilità delle condizioni di salute del campobellese con il regime carcerario

Calogero Falsone

Il tribunale di Sorveglianza ha disposto una perizia medica - che sarà realizzata da un medico legale e da uno psichiatra - per Calogero Falsone, fratello di Giuseppe che è l'ormai ex numero uno di Cosa Nostra Agrigentina. 

I giudici, accogliendo in parte le richieste del difensore del campobellese: l'avvocato Angela Porcello, hanno disposto di verificare la compatibilità delle condizioni di salute di Calogero Falsone con il regime carcerario.

Calogero Falsone sta scontando una condanna a 13 anni e 6 mesi. Secondo l'accusa avrebbe cercato di uccidere un pastore romeno con il quale si contendeva l'uso di un terreno per il pascolo. Secondo la sua difesa, gravi patologie metterebbero a rischio la sua vita. Per questo era stato chiesto il differimento dell'esecuzione della pena per potersi curare meglio, da uomo libero, nella sua abitazione.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Droga pronta per lo spaccio", raffica di casi: altre tre denunce

    • Cronaca

      "I Luoghi del cuore", boom del Giardino botanico: è nella "top ten" dei siti siciliani

    • Licata

      "Vendono auto sequestrate", denunciati tre licatesi

    • Cronaca

      "Visitata" la villa di un imprenditore, colpo da oltre 15 mila euro

    I più letti della settimana

    • Lo "strano" risveglio della Scala dei Turchi, la spiaggia diventa rossa

    • Mafia e droga, il pg insiste: "C'era un'associazione"

    • Tre colpi di pistola contro l'auto di un commerciante

    • "Trovati con 500 grammi di hashish", scattano due arresti

    • Scontro fra auto e moto, un giovane ferito: elevata multa da 5 mila euro

    • "Prima si fa toccare, poi costringe l'anziano a pagare", condannata una donna

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento