Cittadini "assaliti" dalle bollette comunali: impossibile discuterne con gli uffici

Per contestare, senza ricorrere ad un avvocato, Tasi e Imu, bisogna attendere gennaio 2020

(foto ARCHIVIO)

Recapitati migiaia di avvisi di pagamento ai cittadini agrigentini, anche gli uffici comunali risentono del "colpo" e non riescono a smaltire la mole di coloro che hanno necessità di contestare le bollette ricevute.

I disagi, denunciati dalla consigliera comunale Marcella Carlisi, riguardano soprattutto Tasi e Imu. “Per raggiungere il riequilibrio – ha scritto in una lettera inviata all'Amministrazione comunale - avete inviato accertamenti a tantissimi agrigentini. Molte somme sono state già pagate e molti documenti inviati presentato errori che potrebbero essere facilmente corretti con un appuntamento presso gli uffici. Oggi – continua - il primo appuntamento possibile è il 12 dicembre 2020, quindi molti dovranno procedere con il ricorso/reclamo”. Senza il ricorso alla vie legali, infatti, chi non paga diventerà automaticamente un moroso (dal recapito dell’atto ci sono infatti un tot di giorni previsti) e quindi dovrà pagare interessi o subire attività di recupero coattive. “Si sarebbe potuto dividere gli invii nel corso dell’anno per diminuire i disagi – ipotizza Carlisi -. La sensazione avvertita dagli utenti è quella di una sgradevole vessazione”.

Migliaia di bollette per gli agrigentini, Carlisi: "Gli errori finiranno tra i debiti fuori bilancio"

La situazione è certamente migliore per la Tari, dato che i tempi di prenotazione di un incontro sono di pochi giorni, anche se è necessaria una prenotazione on line è che oggi l'unico strumento per efficace e rappresenta, quindi, una modalità che è riservata a chi ha un minimo di competenze digitali.

Tari non pagata, pronti oltre 33mila avvisi di accertamento

Domenica prossima dalle 10.30 alle 13, in piazza del Vespro al Villaggio Mosè, gli attivisti del Movimento realizzeranno un banchetto informativo per i cittadini per verificare la presenza di anomalie nelle bollette e indicare come agire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento