Nuovi indirizzi di studio, all'istituto "Pirandello" arrivano i corsi in scienze agrarie

Ad autorizzarli per il prossimo anno scolastico è stato il Libero consorzio

Il Libero consorzio

L'Iiss “Luigi Pirandello” di Bivona ha ottenuto dal Libero consorzio comunale di Agrigento l’autorizzazione per attivare due nuovi corsi di studio per il prossimo anno scolastico 2020/2021. Si tratta del corso di studio serale ad indirizzo “professionale agrario - agricoltura e sviluppo rurale” e di un corso diurno per l’indirizzo tecnico agrario, agroalimentare, agroindustriale, nell'articolazione "produzioni e trasformazioni".

La richiesta scaturisce da una dettagliata analisi sull'opportunità di ampliare l'offerta formativa, prendendo in considerazione le richieste degli studenti e delle famiglie relative all'attivazione di nuovi percorsi attinenti all'economia del territorio e dell’hinterland di Bivona. Inoltre sono state tenute in considerazione dal Dirigente scolastico le istanze provenienti del mercato del lavoro di specifiche figure tecnico-professionali nel settore dell'Agricoltura che a Bivona, paese di eccellenza per la produzione agro-alimentare, risultano carenti.

Per i nuovi corsi verranno utilizzati i laboratori e le aule dei locali di via Antinoro e di contrada Santa Filomena a Bivona, oltre al terreno sito in Contrada Prato nel Comune di Bivona, concesso in comodato d'uso gratuito dal Comune di Bivona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento