Gestione bagni pubblici comunali, canone base di soli 4 euro

La precedente gara era andata deserta, il Municipio ha quindi ridotto il costo di concessione che sarà però soggetto comunque al rialzo dovuto alle offerte

Uno dei bagni pubblici cittadini

Gestione ai privati dei bagni pubblici comunali, il Municipio ci riprova. L'ente ha infatti pubblicato un nuovo bando per l'individuazione di una ditta che si faccia carico di garantire manutenzione, pulizia e apertura di due servizi igienici, cioè quello di largo Taglialavoro, nella zona soprastante piazza Marconi e via delle Torri e quello di via Manzoni, di fronte alla curva nord dello stadio “Esseneto”. Se la prima ricerca di un gestore era andata deserta, l'Ente ci sta riprovando cercando stavolta di rendere più appetibile l'offerta con una sostanziosa riduzione del canone base, passato da oltre 4mila euro a soli 4 euro per quattro anni, anche se l'importo è ovviamente soggetto ad offerte migliorative da parte di chi voglia aggiudicarsi il servizio.

Cercasi un privato per la gestione dei bagni pubblici comunali: pubblicato il primo bando

La gara si svolgerà nelle prossime settimane, la speranza è che si abbia almeno un soggetto interessato che potrà comunque chiedere un importo (fissato a 50 centesimi) per l'uso dei bagni da parte dell'utenza. Il Comune ha più volte spiegato di non avere le risorse necessarie per manutenere e tenere aperti i servizi. Da tempo si chiede che per questa finalità si usino, anche, i fondi dell'Imposta di soggiorno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • L'incidente lungo la strada per la Scala dei Turchi: 59enne muore dopo quasi un mese d'agonia

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento