Ati, statuto della nuova consortile: solo due Comuni l'hanno già votato

Molti Comuni, in realtà, hanno già calendarizzato per le prossime settimane il voto, così l'Ati (che comunque non aveva fissato un termine perentorio) pare al momento non sarebbe interessato ad azioni specifiche

(foto ARCHIVIO)

Il termine è ormai superato nei fatti e, ad oggi, solo 2 comuni su 35 l'hanno rispettato. Stiamo parlando della data del prossimo 31 maggio, ultimo giorno in cui i Consigli comunali avrebbero dovuto adottare (di fatto, senza modifiche) lo statuto della nuova società consortile che dovrebbe andare a gestire il servizio idrico.

Servizio idrico, l'Ati ha scelto: sarà società consortile

Una forma di gestione scelta sul finire del 2019 e che prevede, appunto, il voto da parte dei singoli Consigli dello statuto che sarà di fatto il primo atto per consentire di costruire la consortile e, soprattutto, superare la fase Girgenti Acque. Complice il Covid, tuttavia, i voti in effetti non sono arrivati se si eccettuano i casi di Licata e Montevago e, conti alla mano, non potranno arrivarne altri entro la data prevista. Molti Comuni, in realtà, hanno già calendarizzato per le prossime settimane il voto, così l'Ati (che comunque non aveva fissato un termine perentorio) pare al momento non sarebbe interessato ad azioni specifiche, per quanto se lo stallo dovesse protrarsi magari fino a metà giugno non potrà che comunicare la situazione alla Regione e al Dipartimento Acque e Rifiuti, non fosse altro perch l'Ambito rimane, dopo le richieste di commissariamento poi ritirate - un sorvegliato speciale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gestione del servizio idrico, lo statuto della consortile arriva ai Consigli comunali

C'è però anche chi non ha ancora approvato e, al momento, nutre non pochi dubbi sullo statuto stesso. Un esempio è quanto sta avvenendo al Comune di Agrigento, dove, pare, vi sarebbe già un annuncio di parere negativo da parte del dirigente finanziario alla proposta di statuto a causa delle incertezze operative ed economiche connesse alla creazione della nuova struttura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento