Servizio idrico, l'Ati attende dai comuni il pagamento di oltre 150mila euro

L'Assemblea ha già inviato tre diverse richieste di pagamento, oggi finite nel vuoto

Una seduta dell'Ati

L’Ati batte a “cassa” con i comuni dell’Ambito idrico che devono, in totale, 150mila euro circa. Le somme derivano da impegni presi per sostenere le spese di funzionamento degli uffici dell'ex Ato idrico. A sollecitare l'ente ad attivarsi per il recupero anche il revisore dei conti dell'ente. A dovere la maggior parte delle somme sono i comuni "ribelli", i quali, da soli, hanno un debito di oltre centomila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Servizio idrico, i comuni non consegnatari hanno 15 giorni definire le procedure

In tre anni circa, però, l'Ati ha potutto mettere in cassa poche migliaia di euro. Molti comuni infatti si giustificano sostenendo di non aver potutto far fronte al pagamento per mancanza di bilanci approvati: senza l'inserimento nei documenti contabili della somma è impossibile infatti liquidarla. Ancora oggi, nonostante tre solleciti proposti dall'Assemblea territoriale idrica, non si registrano passi avanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento