"Tentò di corrompere il teste", Arnone assolto dal gup

Insieme a lui è stata assolta anche Maria Grazia Di Marco, imputata anche lei nello stesso processo

Il giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha assolto - ieri - l'ex consigliere comunale di Agrigento Giuseppe Arnone (difeso dall'avvocato Arnaldo Faro) e Maria Grazia Di Marco (difesa dall'avvocato Angelo Farruggia), imputati in concorso del reato di corruzione in atti giudiziari. Arnone era stato accusato di aver tentato di corrompere con denaro la Di Marco, che era teste nel processo in cui lo stesso Arnone è imputato per violenza privata, mentre Maria Grazia Di Marco era teste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sfonda il tetto del capannone e precipita da più di 10 metri: 29enne in gravi condizioni

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • Grande Fratello, l'empedoclina Clizia Incorvaia: "Il bacio tra me e Scamarcio? C'è stato"

  • Maxi tamponamento lungo la statale 640: traffico in tilt

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento