Quarantotto psicologi borsisti all'Asp, tante le richieste di sostegno

La responsabile Valeria Marchica: "La presenza dello specialista facilita la compliance del paziente alla terapia e incrementa la positività degli esiti delle cure”

A poco più di sei mesi dalla data di immissione in servizio di quarantotto psicologi borsisti, per merito di un’avveduta intuizione della direzione strategica dell’Asp di Agrigento, sono sorprendenti - rende noto l'azienda sanitaria provinciale - i bilanci delle azioni intraprese, i volumi d’attività e le richieste di sostegno pervenute al servizio.

La scommessa dell’Asp di Agrigento di affidare un incarico annuale ad otto professionisti in ambito ospedaliero e a quaranta presso i servizi distrettuali, ha fatto dell’azienda agrigentina una sorta di esperimento pilota sul panorama regionale i cui risultati stanno confermando la centralità del ruolo dello psicologo nel migliorare gli esiti di cura.

“L’analisi dell’andamento del progetto dimostra l’efficacia dell’approccio globale al paziente - dichiara il direttore generale Asp, Salvatore Lucio Ficarra - e conferma la decisione di questa amministrazione, presa già nel 2014 a pochi mesi dal suo insediamento, di prevedere un’adeguata copertura del profilo dello psicologo in pianta organica nella previsione dello sblocco delle assunzioni”. 

Gli psicologi borsisti sono impegnati, in ambito ospedaliero, nelle unità operative di oncologia, hospice, cardiologia, ginecologia, fisioterapia ed area di emergenza dei presìdi di Sciacca, Agrigento e Canicattì. La loro presenza in corsia si è aggiunta a quella degli altri professionisti che hanno prestato e prestano servizio presso diverse sedi territoriali distribuite su tutto il territorio aziendale e particolarmente attive nella cura dell’Alzheimer e di diverse forme di autismo.

I concorsi sono bloccati e dunque l'Asp ha assunto gli psicologi, per la durata di un anno, grazie ai cosiddetti progetti aziendali con fondi vincolati resi disponibili dall’adozione, da parte dell’assessorato regionale alla Salute, delle schede progettuali relative all’attuazione di specifiche linee del PSN.

“Il ruolo capillare svolto dagli psicologi e la massiccia richiesta di sostegno che riceviamo da parte dell’utenza - afferma la responsabile del servizio di Psicologia, Valeria Marchica - dimostra ampiamente la valenza del supporto socio-sanitario reso dagli psicologi. Un ruolo che, di certo, non è un optional, un corollario alla terapia medica ma fa ampiamente parte del percorso di cura; la presenza dello psicologo facilita la compliance del paziente alla terapia e incrementa la positività degli esiti delle cure”.
 

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento