L'arresto di Carola Rackete, Sea Watch ha raccolto 1,4 milioni di euro

La Ong ha annunciato di voler condividere e ridistribuire i soldi ricevuti dalle donazioni private con le altre organizzazioni umanitarie impegnate nei salvataggi dei migranti nel Mediterraneo

Carola Rackete lascia Lampedusa per recarsi al palazzo di giustizia di Agrigento

La Ong "Sea Watch" ha raccolto - dopo l'arresto, a Lampedusa, del comandante Carola Rackete - 1,4 milioni di euro di donazioni: 969.000 provengono dalla Germania e 410.000 euro dall'Italia. La Ong intende condividere e ridistribuire i soldi ricevuti da queste donazioni private con le altre organizzazioni umanitarie impegnate nei salvataggi dei migranti nel Mediterraneo. A renderlo noto, secondo quanto riporta l'Ansa, è stato un portavoce della Ong tedesca. 

Sciopero dei penalisti, slitta l'interrogatorio del comandante della "Sea Watch3"

"Si formerà un comitato perché vogliamo utilizzare il denaro nel modo più efficace possibile per i salvataggi in mare, non solo per la Sea Watch, ma anche per cercare insieme dove è più urgente" - ha detto il portavoce dell'organizzazione - .

Caso "Sea Watch3", i Pm negano il nulla osta per l'allontanamento di Carola Rackete

Era il 29 giugno quando la "Sea Watch3" forzava il blocco e - stando all'accusa - dopo aver leggermente speronato una motovedetta della Guardia di finanza attraccava al porto di Lampedusa. Al comando della nave: la trentunenne tedesca Carola Rackete che aveva invocato, a gran voce, “lo stato di necessità”. Il comandante venne arrestato, in flagranza di reato, dalle Fiamme gialle. 

Arrestato il capitano della Sea Watch, Carola Rackete
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento