"Avevano pistola con matricola abrasa", ecco cosa ha disposto il giudice

Il gip Luisa Turco ha convalidato l'arresto dei due indagati di Licata ed ha disposto i domiciliari per Antonio Gueli e l'obbligo di dimora per Carmelo Gueli

L'arma che venne sequestrata dalla polizia di Stato

Il giudice per le indagini preliminari Luisa Turco ha convalidato l'arresto dei due indagati di Licata ed ha disposto - secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia - i domiciliari per Antonio Gueli e l'obbligo di dimora per Carmelo Gueli. I due licatesi sono assistiti dall'avvocato Antonio Montana. 

Ad arrestarli, negli scorsi giorni, dopo una perquisizione domiciliare, erano stati i poliziotti del commissariato di Licata. Le ipotesi di reato contestate sono state: detenzione illegale di arma da sparo clandestina, con marca e matricola abrasi e relativo munizionamento. Sarebbero stati trovati in possesso - stando all'accusa - di una pistola con matricola abrasa e munizioni. 

"Nascondevano una pistola con matricola abrasa e cartucce", arrestati zio e nipote

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento