Arresti all'Agenzia delle entrate, l'assordante silenzio del mondo della politica e delle Istituzioni

E' il "silenzio" delle Istituzioni e del mondo della politica una delle cose che salta di più all'occhio sul finire della giornata che ha consegnato alla giustizia 13 persone. Tre sole "attestazioni di stima" per l'operato degli inquirenti che hanno condotto, e conducono ancora in queste ore, l'indagine nota come "Duty free"

E' il "silenzio" delle Istituzioni e del mondo della politica una delle cose che salta di più all'occhio sul finire della giornata che ha consegnato alla giustizia 13 persone. Tre sole "attestazioni di stima" per l'operato degli inquirenti che hanno condotto, e conducono ancora in queste ore, l'indagine nota come "Duty free".

Gli unici a testimoniare condivisione per quanto fatto da magistratura e Guardia di finanza, contro lo stuolo di "assenti ingiustificati", sono il presidente della Camera di commercio agrigentina, Vittorio Messina, per il quale si tratta di un'operazione che «agevola l'economica sana», il consigliere Marcella Carlisi del M5s e l'ex consigliere Peppe Di Rosa (Ncs).

Poi, il silenzio più surreale. Una stranezza assoluta visto che, di norma, politici, burocrati e soggetti più o meno presenti a vario titolo nella vita sociale del territorio non perderebbero l'occasione per manifestare il proprio "punto di vista". Così accade a ogni intimidazione (quando si vedono "fioccare" attestazioni di vicinanza, stima e condanna), così accade per altre grandi operazioni, che inanellano in maniera smodata "plausi" e "apprezzamenti": così è accaduto nell'ultima maxi operazione antimafia, nota come "Icaro".

Allora perchè in questa circostanza dove a essere coinvolti sono, tra gli altri, anche dei funzionari pubblici, questa "passerella", cui spesso assistiamo, è venuta a mancare? Perchè non una riga, seppure si parli di corruzione, truffe, falso: tutte cose che uccidono un territorio tanto quanto la mafia?

Un interrogativo lecito, che certamente in tanti condivideranno e al quale ci si augura diano risposta i molti, forse troppi stavolta, "non pervenuti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento