Stalking contro modella toscana, "Max" Vella agli arresti domiciliari

"Tararà" è accusato di aver commesso varie condotte persecutorie e lesive nei confronti di una giovane modella toscana, conosciuta l'estate trascorsa in Costa Smeralda

Massimo Vella

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Livorno, Antonio Pirato, ha emesso ieri una ordinanza di aggravamento di misura cautelare nei confronti dell'imprenditore agrigentino Calogero Massimo Vella, 44 anni, inteso "Tararà". L'ex patron dell'Akragas, che da ieri si trova quindi agli arresti domiciliari, era sottoposto dal primo di settembre scorso al "divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' accusato di stalking (art 612 bis c.p.), perché - secondo l’accusa - avrebbe commesso varie condotte persecutorie e lesive nei confronti di una giovane modella toscana, anche tramite Facebook. La coppia avrebbe troncato la relazione dopo l'estate trascorsa in Costa Smeralda. Max Vella, difeso dall’avvocato Daniele Re, si trova agli arresti domiciliari a San Leone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento