Arrestato cinque volte in diciassette giorni per stalking alla ex, chiesta perizia psichiatrica

La difesa sollecita un accertamento sulle capacità di intendere e volere dell'imputato

Una perizia psichiatrica per accertare se l'imputato era capace di intendere quando avrebbe perseguitato la sua ex che lo aveva lasciato. E' stata chiesta dal difensore, l'avvocato Salvatore Cusumano, e adesso si dovrà pronunciare il gup Francesco Provenzano. Dopo i cinque arresti in diciassette giorni dell'estate scorsa, il meccanico Antonino Cannistraro, di Aragona, finito in carcere dopo che i carabinieri lo hanno sorpreso per l’ennesima volta, sotto casa dell’ex moglie, che lo aveva denunciato più volte per stalking, va a processo.

Il gip Stefano Zammuto, come chiesto dal pubblico ministero Paola Vetro, ha disposto il giudizio immediato nei suoi confronti. La strategia processuale della difesa è stata quella di procedere con il giudizio abbreviato con la condizione di svolgere una perizia psichiatrica per accertare se sussiste un vizio di mente. Il giudice, dopo il primo passaggio in aula, ieri ha disposto un rinvio al 5 marzo. 

Il meccanico è accusato di maltrattamenti, evasione dagli arresti domiciliari e stalking. I carabinieri della stazione di Aragona, il 4 agosto scorso, lo hanno arrestato per la quinta volta in diciassette giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento