Immobili abbandonati e cadenti, ordinata la messa in sicurezza

Il sindaco Peppe Pendolino: "Se i proprietari non risponderanno agiremo in altro modo arrivando, qualora necessario, alla requisizione e poi alla demolizione"

L'immobile cadente di via Tukory

Il Comune ha ordinato la messa in sicurezza di una catapecchia che rischia di crollare in via Rapisarda ad Aragona. Ma questa non è l'unica ormai ex residenza che rischia di cedere e venire giù. "Già nel mese di settembre ho fatto un giro nei quartieri per un resoconto della situazione - ha spiegato, al Giornale di Sicilia, il sindaco di Aragona Peppe Pendolino – e ho segnalato quattro abitazioni  in pessime condizioni. In questo momento abbiamo ordinato la messa in sicurezza degli immobili ai proprietari, ma se non risponderanno agiremo in altro modo arrivando, in caso, alla requisizione e poi demolizione. Inoltre stiamo ancora lavorando per individuare i proprietari di altre abitazioni che presentano già dei cedimenti - aggiunge - con l’obiettivo di procedere quanto prima alla messa in sicurezza. Non siamo stati fermi ma stiamo lavorando per migliorare la situazione che persiste da tempo".

Catapecchie a rischio crollo, è allarme nel centro storico 

Da via Rapisarda a via Tukory l'emergenza è sempre la stessa. Ed in questo caso, a sollevare il problema, con un video messaggio postato su Facebook, era stato l'aragonese Raimondo Collura. Il sindaco ha chiarito che già a settembre un'ordinanza imponeva ai proprietari la messa in sicurezza o la demolizione.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento