Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caso "sospetto", tampone negativo e adesso la conferma: il 72enne di Aragona ha il Coronavirus

L'anziano, lo scorso 16 marzo, dopo essere giunto al "San Giovanni di Dio" era stato trasferito al "Sant'Elia" dove si trova ricoverato in Terapia intensiva

 

"Mi è stato notificato, pochi minuti fa, il primo caso di Coronavirus nella nostra cittadina. Ho subito allertato le forze dell'ordine. Il paziente si trova ricoverato da oltre 10 giorni in ospedale". Lo ha annunciato, agli abitanti di Aragona, il sindaco Giuseppe Pendolino. Si tratta del 72enne che, lo scorso 16 marzo, era stato prima portato all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento e poi trasferito al "Sant'Elia" di Caltanissetta dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e dove, attualmente, si trova ricoverato in Terapia intensiva. Inizialmente, il caso del 72enne aragonese era stato ritenuto come "sospetto", motivo per il quale era stato disposto il trasferimento nella struttura ospedaliera di Caltanissetta. Poi era arrivato l'esito del tampone rino-faringeo che era risultato essere negativo. Ed adesso, ad una successiva verifica epidemiologica, il test ha invece dato esito positivo. 

IL BOLLETTINO DI OGGI. L'isola sfiora i 1.000 contagi: risultati positivi in 994 (148 + di ieri) 

Febbre alta, catarro e difficoltà respiratorie: 72enne rientrato da Brescia finisce in ospedale per sospetto Covid-19 

"Oggi più che mai vi prego: rimanete a casa. L'unico modo per aiutarci - Pendolino è tornato a lanciare l'appello - è: stare a casa. Cerchiamo tutti di collaborarci. Solo stando a casa lo possiamo superare".

Febbre alta dopo essere rientrato dal Nord, il sindaco: "Tampone Covid-19 negativo"
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento