Angelo Capodicasa colpito da emorragia cerebrale, è in gravi condizioni

L'ex deputato, ministro e presidente della Regione è stato colto da un malore oggi pomeriggio, è ricoverato al Sant'Elia di Caltanissetta

Angelo Capodicasa

L’ex deputato, ministro e presidente della Regione Angelo Capodicasa si troverebbe ricoverato in gravi condizioni in seguito ad un’estesa emorragia cerebrale che l’avrebbe colpito nel primo pomeriggio di oggi.

Il politico, passato ad Articolo 1 dopo una lunga militanza nel Pd, è stato soccorso in strada, ad Agrigento, dove sarebbe stato trovato privo di sensi e in un lago di sangue. Pare che sia caduto, all'improvviso, per terra: motivo per il quale è stato trovato in una pozza di sangue. Capodicasa è stato trasportato prima al “San Giovanni di Dio” e poi all’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta.

Ricoverato in Rianimazione, il coro unanime: "Forza Angelo, non mollare"

Solo ieri sera aveva partecipato ad una convention politica agrigentina per un candidato delle elezioni Europee. Capodicasa è uno dei decani della politica agrigentina e regionale. Eletto quattro volte deputato regionale (dal 1986 al 2006), fu capogruppo del suo partito all'Assemblea Regionale Siciliana) fino al 1991. Dal 1991 al 1996 fu vice presidente dell'assemblea e dal 1991 al 1995 fu segretario regionale del Partito Democratico della Sinistra. Dal 1998 al 2000 fu il primo presidente della Regione Siciliana proveniente dalla Sinistra, guidando due governi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento