Ancore litiche e lingotti plumbei: nuovi rinvenimenti a San Leone

Le acque del quartiere balneare si stanno rivelando uno scrigno ricco di tesori: l'elevato numero di reperti in un’area così ristretta induce a pensare di essere in presenza di un vero e proprio approdo

Il mare di San Leone è uno scrigno ricco di tesori. Sono state rinvenute altre ancore litiche e lingotti plumbei di chiaro interesse archeologico. A localizzare i reperti è stato Francesco Urso del gruppo subacqueo di BCsicilia. L'area del rinvenimento è la stessa in cui lo scorso mese di giugno era stata rinvenuta un’altra ancora litica. Complessivamente allo stato attuale sono state rinvenute cinque ancore litiche e due lingotti plumbei.

"Il rinvenimento assume particolare importanza in quanto il numero elevato di reperti in un’area così ristretta induce a pensare che siamo in presenza di un vero e proprio approdo" - rendono noto dalla BCsicilia - . Del ritrovamento è stata avvertita la Soprintendenza del Mare che intuita l’importanza della scoperta ha previsto un sopralluogo per domani con proprio personale in stretta collaborazione con i sub di BCsicilia.

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

  • La birra come prodotto di bellezza

  • Nuotare fa bene a corpo, mente e anima

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • Muore vecchio boss di Palma, il questore dispone: niente funerali

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Camilleri sepolto nella sua Porto Empedocle? Ecco il retroscena

  • "Rapina e violenta moglie dell'amico dopo avere trascorso il Capodanno insieme", condannato 27enne

  • "Mi ha minacciata e violentata": donna denuncia bracciante agricolo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento