Piano anticorruzione adottato in ritardo, 6mila euro di multa per sindaco e assessori

A deciderlo è stata l'Anac, che contesta comportamenti reiteratamente omissivi rispetto all'approvazione dello strumento di controllo

Il logo dell'Anac

Piano triennale per la prevenzione della corruzione adottato in grande ritardo, multata l’intera amministrazione comunale di Campobello di Licata e il responsabile della redazione dello strumento.

Ad emettere il provvedimento sanzionatorio è stata l’Anac, l’autorità nazionale anticorruzione la quale, ha appunto rilevato come l’Ente abbia mantenuto un comportamento “reiterato nel tempo caratterizzato da negligenza per l’inadempienza agli obblighi di legge”. L'Amministrazione, infatti, non si era munita del piano, che venne ivece votato dalla giunta solo 20 giorni dopo dalla prima sollecitazione dell'autorità. Prima di allora, rileva l’Anac, esisteva solo un programma triennale risalente però al periodo 2014/2016 approvato nel luglio di 5 anni fa.

Da qui l’accusa di “negligenza”, con l'Ana che ha ritenuto di suddividere le colpe tra il responsabile comunale, reo di non aver predisposto il piano, e ai componenti della Giunta comunale. Per tutti sanzioni da mille euro ciascuna per un totale di 6mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento