"Vendeva Bimby e tv color a prezzi stracciati": a giudizio 38enne

Secondo la ricostruzione accusatoria, le vittime hanno effettuato il pagamento sulla Postapay senza però mai ricevere il prodotto comprato e senza più avere notizie del presunto venditore

La Procura di Agrigento ha disposto il giudizio. Il processo inizierà il 6 marzo davanti al giudice monocratico del tribunale di Agrigento Sabrina Bazzano. L'imputato è Cristian Sgrò, agrigentino di 38 anni, pescivendolo ambulante che è rappresentato e difeso dall'avvocato Monica Malogioglio. L'uomo è accusato di truffa. Ieri, c'è stato un primo passaggio in aula.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avrebbe - stando, appunto, all'accusa - affaroni per l'acquisto di Bimby o di tv color d'ultima generazione: prodotti dal valore di circa mille euro che era possibile comprare a 100 euro. Prezzi stracciati perché, a suo dire, il negozio di elettrodomestici era in fallimento. Ci sono state delle vittime che hanno effettuato il pagamento sulla Postapay senza però mai ricevere il prodotto comprato e senza più avere notizie del presunto venditore. Dopo diverse denunce, l'uomo è stato identificato e deferito alla Procura della Repubblica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento