Musealizzazione del tempio di Zeus, pronti quasi 600 mila euro

Il Parco: “Lo stato di conservazione dei blocchi è ormai sull’orlo dell’irreversibile perdita della conformazione morfologica. E’ dunque necessario, in modo impellente, un intervento di restauro e conservazione”

Uno dei blocchi del tempio di Zeus

La somma necessaria – 599.958 euro per la precisione – è stata già impegnata. Il Parco archeologico e paesaggistico ha mosso i primi passi per la procedura negoziata e, nel giro di pochi giorni, verranno invitati 20 operatori che saranno selezionati tramite il meccanismo del sorteggio previsto dal Mepa. Il progetto della musealizzazione del tempio di Zeus prende, dunque, forma. Unico lo scopo per l’ente Parco è sviluppare un nuovo percorso di visita che interessi, nel complesso, l’intera area del monumento e che miri a far comprendere le strutture del tempio, in particolare la relazione visiva tra il tempio e il suo altare.

A partire dal 2005, il Parco ha intrapreso, in collaborazione con il Deutsches Archeologiaches institut di Roma, una campagna di indagini archeologiche e di rilievo dei resti del tempio di Zeus. Indagini che hanno portato ad un ulteriore grado di comprensione della composizione architettonica dei suoi resti per cui oggi è possibile – scrivono dal Parco archeologico Valle dei Templi, di cui è direttore Roberto Sciarratta, - avere una chiara idea delle dimensioni del tempio e di tutti quanti gli elementi architettonici e decorativi di cui era composto. Lo studio sui resti architettonici, oltre a nuove conoscenze sull’originario progetto, ha fornito anche una precisa panoramica sugli elementi ancora in situ, tra i quali sono stati localizzati più di 90 frammenti che, per dimensioni e forma, appartengono chiaramente alle sculture del tempio. Si tratta di frammenti provenienti da almeno otto diversi telamoni che sono stati temporaneamente assemblati e musealizzati all’interno del perimetro del tempio.

“Lo stato di conservazione dei blocchi è ormai – scrivono, a chiare lettere, dal Parco archeologico – sull’orlo dell’irreversibile perdita della conformazione morfologica. E’ dunque necessario, in modo impellente, un intervento di restauro e conservazione”. Da diversi anni ormai è allo studio un generale progetto di musealizzazione e fruizione dei resti del tempio di Zeus che ha, appunto, come scopo lo sviluppo di un nuovo percorso di visita. Ecco perché, dunque, l’esigenza di intervenire sul monumento per fini conservativi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Parco già lo scorso ottobre s’era mosso per realizzare un’indagine bibliografica – iconografica sul tempio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento