Malattie infettive, quel reparto che non c'è ... ma che potrebbe salvare le vite

Non soltanto la politica "parolaia" ha sollevato il problema della mancanza di una unità operativa così importante. C'è stato anche almeno una sopravvissuta che, qualche anno addietro, ha raccontato la sua esperienza agli allora vertici dell'Asp 

(foto ARCHIVIO)

Ne aveva scritto. Condividendo l'esigenza-urgenza di un reparto di Malattie infettive all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento (ospedale di un capoluogo di provincia che ingloba la frontiera marittima di Lampedusa), aveva anche approfondito - giornalisticamente - l'importanza di avere a disposizione protocolli sanitari per contenere ed evitare che si diffondano virus pericolosi e patologie come meningite, scabbia, ebola e malaria. Perché Agrigento era ed è a fortissimo rischio. Era il 2016 quando s'era occupata di un'interrogazione al ministro della Salute. 

Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

Da allora, nulla è cambiato. La giornalista di AgrigentoNotizie (e del Giornale di Sicilia), Loredana Guida, stanotte è morta. Uccisa, a soli 44 anni, da malaria terzana maligna (da Plasmodium falciparum). E se invece al "San Giovanni di Dio" ci fosse stato il reparto, o banalmente anche un ambulatorio, di Malattie infettive? Forse quel campanello d'allarme - sentendo riferire che era tornata da un viaggio in Africa - si sarebbe innescato?

Affetta da malaria va via dal pronto soccorso, l'ospedale: "Nessun rischio di contagio"

Nel luglio del 2018, disquisendo della nuova rete ospedaliera, se ne era tornato a parlare. Fra le specialità aggiuntive era prevista anche Malattie infettive, oltre che Chirurgia plastica, Pneumologia e Neuroradiologia. Un anno e mezzo dopo, Malattie infettive ancora - naturalmente - non c'è ad Agrigento: provincia di frontiera dove d'estate e non solo è un continuo ripetersi di sbarchi.

La Regione dispone l'acquisizione delle cartelle cliniche

Qualcuno, in passato, per meningite è morto all'ospedale "San Giovanni di Dio". Qualcuno è stato trasferito in tempo laddove, fra le strutture sanitarie siciliane, sono stati trovati posti disponibili. Qualcun altro ancora è vivo, invece, semplicemente perché - grazie alle "dritte" di medici o semplici conoscenti - direttamente ed autonomamente è arrivato all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta. Non soltanto la politica "parolaia" ha sollevato il problema della mancanza di una unità operativa così importante. C'è stato anche almeno una sopravvissuta che, qualche anno addietro, ha raccontato - chiedendo, con il cuore in mano, il reparto di Malattie infettive - la sua esperienza agli allora vertici dell'Asp. 


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento