"Calci e pugni al volto per rapinarlo dell'Ipod", due assoluzioni

Secondo i giudici non ci sono prove sufficienti per condannare i due imputati che lo avrebbero pure minacciando brandendo una bottiglia di vetro rotta

Assoluzione, seppure con la formula che il codice un tempo etichettava come “insufficenza di prove”. I giudici della prima sezione penale, presieduta da Gianfranca Claudia Infantino, hanno scagionato due marocchini finiti a processo con le accuse di rapina e lesioni aggravate. Si tratta di Amine Talibouridah, 30 anni, e Soufieane Kajja, 31 anni, entrambi di origini marocchine. L’episodio al centro del processo risale al 10 febbraio del 2014.

I due imputati, difesi dall’avvocato Antonio Provenzani, insieme a un terzo complice mai identificato, avrebbero rapinato un connazionale di un I-pod, aggredendolo con calci e pugni alla testa mentre uno di loro brandiva una bottiglia di vetro infranta per minacciarlo. L’uomo riportò un trauma cranico, una ferita lacero contusa con ematoma allo zigomo e un’altra ferita lacero contusa al cuoio capelluto. Le lesioni furono giudicate guaribili in sette giorni. La vittima, dopo essere stata soccorsa e medicata, presentò una denuncia. Al dibattimento, però, non è stata mai ascoltata perché, nel frattempo, ha fatto perdere le sue tracce e sembrerebbe essersi allontanata dal territorio nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Iil pubblico ministero Gloria Andreoli, questa mattina, ha concluso la sua requisitoria chiedendo la condanna di entrambi gli imputati a cinque anni di reclusione. I giudici hanno emesso il verdetto dopo una breve camera di consiglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento