Protesta all'Ati, cittadino dà vita ad un sit-in: "Niente Spa, l'acqua sia pubblica"

Enrico Caldara, a nome del "Comitato cittadino storico di San Biagio Platani", contesta l'ipotesi avanzata in questi giorni sulla forma di gestione

Enrico Caldara

"No" ad altre spa, più o meno pubbliche, nella gestione del servizio idrico: altrimenti sarà il via a proteste e manifestazioni.

E' questo più o meno il contenuto di un cartello collocato oggi pomeriggio dinnanzi al centro direzionale Asi dove si sta svolgendo una riunione dell'assemblea territoriale idrica di Agrigento. A portare con sè, letteralmente, il cartello, a nome del "Comitato cittadino storico di San Biagio Platani" è  stato Enrico Caldara.

Margherita La Rocca Ruvolo: "All'Ati si continua a perdere tempo"

"Siamo stanchi di pagare tariffe sempre più alte per un servizio idrico colabrodo e inefficiente - dice il manifesto - . Diciamo 'basta' ai soprusi e alla politica delle clientele. In questo delicato passaggio del dopo Girgenti Acque voi sindaci avete la possibilità finalmente di operare a favore dei cittadini ritornando all'acqua pubblica con l'istituzione dell'Azienda consortile speciale partecipata, già perfettamente funzionante nella città di Napoli i cui abitanti pagano 128 euro a famiglia. Fate la cosa giusta e rivoluzionaria - conclude infine - se non volete che l'ordine pubblico sia turbato da scioperi e occupazioni".

Gestione del servizio idrico, il Forum per l'acqua ai sindaci: "Nessuna privatizzazione"

Il perché di questa presa di posizione, tanto simile a quella del forum per l'acqua pubblica l'abbiamo spiegato nei giorni scorsi: in fase di individuazione di una forma di gestione post Girgenti Acque, i sindaci hanno ipotizzato, oltre alla crezione di un'azienda consortile speciale, appunto anche una spa a capitale pubblico. Una ipotesi questa che preoccupa non poco alcuni, i quali ritengono possa esserci il rischio di un "effetto cavallo di Troia", dato che la società per azioni potrebbe più facilmente prevedere l'ingresso di soggetti privati. 

I Comuni "ribelli" chiamati a rapporto all'Ati 

La riunione di oggi, che è ancora in corso, è comunque solo interlocutoria dato che nessun punto di questo tipo risulta inserito all'ordine del giorno né, tantomeno, nulla di concreto è stato ancora prodotto dagli uffici.

IL VIDEO. Esplode la protesta contro il caro bollette: siamo il paese che paga di più

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento