Stabilizzazione dei precari, sindacati contro amministrazione: "Risposte o sarà sciopero"

I confederali: "Comportamento che denota un'evidente forma di inerzia e disinteresse sulle sorti dei lavoratori"

L'ingresso di palazzo dei Giganti

I sindacati confederali bussano - lo hanno fatto con una richiesta d'incontro urgente - alle porte di palazzo dei Giganti, ma non ottengono risposta. La diatriba è sulla stabilizzazione del personale precario. Stabilizzazione che sono tornati a sollecitare, tornando a chiedere - anche nelle ultime ore - un incontro con sindaco e assessore comunale al Bilancio. Ma questa volta si passa alle vie di fatto: "In mancanza di fattivo riscontro, entro 5 giorni, ci adopereremo ad attivare le procedure necessarie per proclamare lo sciopero di tutto il personale precario in servizio al Comune di Agrigento". 

"Rileviamo - scrivono i sindacalisti Iacono, Bonfanti e Danile - che la richiesta d'incontro del 13 settembre è rimasta disattesa. Così come quella inoltrata il 19 agosto con la quale erano state richieste informazioni sulle capacità assunzionali dell'ente. A tutt'oggi non è stata neppure convocata la delegazione trattante necessaria a sottoscrivere il nuovo contratto decentrato integrativo territoriale, necessario a garantire il riconoscimento delle nuove indennità previste dal contratto collettivo nazionale del lavoro. Tale condotta denota un'evidente forma di inerzia e disinteresse - hanno incalzato i sindacalisti - da parte dell'amministrazione sulle sorti dei lavoratori precari, i quali nonostante continuino a garantire con responsabilità, diligenza e talvolta con difficoltà oggettive, i servizi comunali ai quali sono adibiti, da anni attendono di poter ottenere una posizione lavorativamente stabile e vedono questo diritto fortemente compromesso all'atteggiamento altalenante dell'amministrazione. Amministrazione - spiegano sempre i sindacalisti - che da un lato ha assunto l'impegno di provvedere alla risoluzione della questione e dall'altro elude di fatto la realizzazione negando qualsiasi forma di incontro costruttivo e propositivo, in primo luogo con i sindacati e i lavoratori che sono i naturali interlocutori della vertenza". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento