Parcheggiatore abusivo torna al lavoro da dove era stato allontanato: denunciato

I carabinieri hanno elevato, al sessantenne, una sanzione da oltre 700 euro e poi hanno appurato che a suo carico c’era un divieto d’accesso a piazza Vittorio Emanuele

Una veduta del posteggio di piazza Vittorio Emanuele

In piazza Vittorio Emanuele non avrebbe più potuto – per effetto di un divieto d’accesso – rimettere piede. In realtà, nella tarda serata di venerdì, durante un controllo del territorio, i carabinieri della stazione di Agrigento lo hanno sorpreso nello slargo, antistante al cinema, utilizzato come parcheggio. Era al “lavoro”. Faceva quello per il quale, proprio da piazza Vittorio Emanuele, era stato allontanato: il parcheggiatore abusivo.

Uno dei tanti che “popolano” il centro urbano, come il rione balneare di San Leone. I carabinieri lo hanno bloccato e portato dunque nella vicinissima caserma “Biagio Pistone”. L’uomo è stato così identificato: si tratta di un sessantenne della Tunisia. I carabinieri gli hanno fatto una sanzione da oltre 700 euro e, appurato appunto che a suo carico c’era un divieto d’accesso a piazza Vittorio Emanuele, è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’ipotesi è, naturalmente, l’inottemperanza al provvedimento.

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • Camilleri resta in Rianimazione, il retroscena: 20 giorni fa si era rotto il femore cadendo in casa

  • Camilleri lotta fra la vita e la morte, Racalmuto lo ha già dimenticato

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

  • Tagliati 80 alberi d'ulivo, agricoltore nel mirino

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento