"Paninari" di San Leone, trovata una soluzione: rientra la protesta

Stamattina nuovo sit in dei commercianti, che chiedevano un posto in cui poter lavorare nella frazione balneare, decisivo nuovo incontro in Prefettura

piazza Caratozzolo

Collocazione dei camioncini dei panini a San Leone, dopo due giorni di proteste trovata una soluzione che sembra accontentare tutti.

Arriva un parcheggio in piazza Caratozzolo, disposta la segnaletica orizzontale

Sebbene il verbale sia ancora in fase di redazione da parte della Prefettura, l'accordo trovato da Comune di Agrigento, Capitaneria di Porto, Demanio Marittimo e un rappresentante dei commercianti, Carmelina Paino, potrebbe prevedere un ritorno al lavoro relativamente veloce dei "paninari" sul lungomare. Tutto con precise direttive. Innanzitutto la linea della fermezza del Municipio ha tenuto, dato che i camioncini non torneranno formalmente in piazza Caratozzolo ma, invece, nel piazzale che si trova di fronte e oggi già parzialmente occupato da un piccolo luna park.  La collocazione sarà, ad oggi, a tempo (un paio di settimane) e i mezzi si sposteranno poi nella zona dell'ex eliporto (dove il Comune già li voleva), con l'impegno sottoscritto dai commercianti non installare, come successo in passato, tavolini, sedie, barbecue o addirittura frigo e, soprattutto, mettersi in regola con Demanio marittimo (che, giusto un anno fa, aveva respinto le richieste ritenendo in molti casi vi fosse l'assenza dei requisiti previsti) e con lo smaltimento dei rifiuti (anche qui era accaduto in passato che alcuni smaltissero il proprio pattume in modo irregoare).  

I "paninari" protestano in Consiglio comunale: "Vogliamo poter tornare al lavoro"

Una soluzione che sembra accontentare tutti, almeno al momento, ma che non ferma verosimilmente la polemica in Consiglio comunale, che stasera dovrebbe nuovamente riunirsi sul tema, con un punto proposto tra gli altri dai consiglieri Marcella Carlisi e Angelo Vaccarello (particolarmente impegnato in questi mesi a sostenere le ragioni dei commercianti) per modificare il regolamento per il commercio su aree pubbliche.

L'incontro

Il faccia a faccia si è tenuto, nella sede della Prefettura, all'incontro il sindaco Firetto, l’assessore Elisa Maria Virone, il Questore Maurizio Auriemma ed il Prefetto hanno incontrato una rappresentanza degli esercenti le attività di vendita ambulante di generi alimentari in frazione San Leone. La riunione è stata finalizzata al raggiungimento di una soluzione condivisa rispetto alle opzioni offerte in proposito dal Comune di Agrigento. In particolare, l’Amministrazione comunale ha ribadito la disponibilità a ricevere in gestione dal Demanio l’area dell’ex eliporto, dove poter autorizzare, secondo il Regolamento comunale vigente, fino a centoventi giorni continuativi di esercizio. I sappresentanti del Comune hanno sottolineato la particolare valenza della scelta di tale area, per la quale il Comune stesso concorrerà al miglioramento generale anche in termini di attrattività  e di proposizione di nuove iniziative coordinate. Sarà inoltre consentito l’uso degli spazi attualmente occupati all’ingresso del Lungomare Falcone e Borsellino – Lato Est. I Commercianti, dal canto loro, hanno proposto la possibilità di contattare l’Agenzia del Demanio per valutare l’eventuale assegnazione anche dell’area contigua alle attuali giostre per bambini ed hanno espresso il loro impegno ad assicurare l’uso degli spazi in conformità a tutte le normative di settore, evitando la collocazione di tavoli, sedie, frigoriferi etc. Hanno altresì confermato l’osservanza delle corrette modalità di conferimento dei rifiuti e smaltimento degli oli.

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento