Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

Le verifiche medico legali chiariranno se l'uomo è deceduto, come appare probabile, per un improvviso malore o meno. Ma stabiliranno anche a cosa siano riconducibili quei segni che l'uomo aveva sul corpo

L'uscita della salma dall'abitazione

Un sessantanovenne agrigentino, C. A., è stato trovato privo di vita all'interno della sua abitazione, in salita San Giacomo, nel centro storico della città dei Templi. A ritrovare il cadavere, dopo aver richiesto l'intervento dei vigili del fuoco, sono stati i poliziotti della sezione Volanti della Questura. La salma dell'uomo era, a quanto pare, sul letto. Non è escluso che l'agrigentino potrebbe essere stato colto da un improvviso, fulminante, malore. C'è un però. Ad insospettire i poliziotti sarebbero stati degli strani segni sul corpo: sul collo in particolar modo, nonché il dettaglio che l'uomo avesse un piede sul pavimento.

IL VIDEO. Dramma della solitudine in centro storico? Avviati accertamenti e indagini dopo il rinvenimento del cadavere

A chiamare la polizia è stato un vicino di casa: un romeno che, da un paio di giorni, non aveva più visto il sessantanovenne, né era riuscito a mettersi in contatto con lui. Gli agenti delle Volanti hanno, naturalmente, subito richiesto l'ausilio dei vigili del fuoco e una volta aperta la porta d'ingresso è stato ritrovato il cadavere. 

poliza salita san giacomo2-2

I poliziotti, senza perder tempo, hanno subito accertato un dettaglio che ai fini investigativi non è di poco conto: né sulla porta, né sugli infissi c'erano segni di effrazione. E' un mistero, almeno per il momento, cosa possa essere accaduto al sessantanovenne agrigentino. In casa, a quanto pare, c'era molto disordine e le condizioni igieniche non erano delle migliori. Al lavoro anche i poliziotti della sezione Scientifica. Sul posto, in salita San Giacomo, è arrivato il medico legale che ha appurato che la salma dell'uomo "era sul letto in posizione supina". L'ambiente è stato ritenuto angusto e non consentirebbe l'ispezione cadaverica, motivo per il quale il medico legale - poco dopo le ore 18 - ha chiesto e ottenuto l'autorizzazione a portare il cadavere all'obitorio. 

Ore 19. Il sostituto procuratore di turno ha disposto l'autopsia. Per fare chiarezza sulle cause del decesso del sessantanovenne agrigentino, il pubblico ministero ha deciso che è opportuno procedere ad un esame più approfondito. Le verifiche medico legali chiariranno dunque se l'uomo è deceduto, come appare probabile, per un improvviso malore o meno. Ma chiariranno anche a cosa siano imputabili o riconducibili quei segni che il sessantanovenne aveva sul corpo. E se fossero segni di decomposizione? Spetterà, naturalmente, al medico legale chiarire. E' certo però già che quegli strani segni non sono riconducibili ad aggressioni o violenze.   

Stretto, anzi categorico, è il riserbo degli investigatori. I poliziotti non lasciano trapelare nessuna indiscrezione. 

poliza salita san giacomo-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento