"Staccò a morsi un pezzo d'orecchio", condannato

I giudici della Corte d'appello di Palermo hanno confermato, per il trentatreenne, la condanna di primo grado: sei anni e tre mesi di reclusione

(foto archivio)

"Staccò a morsi un pezzo di orecchio". Ieri pomeriggio, i giudici della Corte d'appello di Palermo hanno confermato la condanna: sei anni e tre mesi di reclusione. Il trentatreenne, difeso dagli avvocati Monica Malogioglio e Riccardo Bellotta, è stato condannato anche a pagare unna provvisionale di 20 mila euro, vale a dire un anticipo del risarcimento del danno. Lo scrive oggi il Giornale di Sicilia.

Il trentatreenne è stato riconosciuto colpevole di lesioni personali gravissime. L' aggressione "senza alcun motivo e di violenza inaudita", per come aveva ricostruito anche il pubblico ministero Carlo Cinque durante la requisitoria del processo di primo grado, sarebbe avvenuta il 9 agosto del 2009 davanti a una panineria di San Leone dove c'era una festa di compleanno.

La vittima aveva raccontato in aula:"Mi ha staccato l'orecchio con un morso e poi me l' ha sputato davanti ed è andato via".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento