Minaccia di morte gli operatori e incendia la comunità accoglienza

Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco. Il minorenne è stato identificato dai poliziotti: si tratta di un tredicenne, quindi non è imputabile

La stanza incendiata

Pare che da giorni chiedesse d’essere accompagnato in centro per riprendere il telefono cellulare che aveva portato a riparare. Per un motivo o per un altro, gli operatori della comunità d’accoglienza per minori difficili non erano riusciti ad accontentarlo. Giovedì pomeriggio, la nuova richiesta. E quando ha visto temporeggiare, perché appunto gli operatori erano impegnati in altro, il ragazzino sarebbe, all’improvviso, andato in escandescenze. Avrebbe offeso e minacciato di morte tutti o quasi gli operatori presenti nella struttura e avrebbe appiccato il fuoco in una stanza. Nella comunità si sono registrati dunque momenti di grande apprensione. Subito è stato lanciato l’Sos e, nella parte a valle di Agrigento, si sono precipitati i vigili del fuoco del comando provinciale e le pattuglie della sezione Volanti della Questura.

Tutti – pompieri e agenti della polizia di Stato - hanno, subito, garantito l’incolumità degli ospiti e degli operatori della struttura procedendo ad una tempestiva evacuazione dei presenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I pompieri, idranti alla mano, hanno poi naturalmente spento l’incendio e hanno messo tutto in sicurezza. I poliziotti si sono, invece, occupati di ricostruire e fare piena chiarezza sull’accaduto e di identificare il presunto responsabile del danneggiamento. Ad andare in escandescenze sarebbe stato un tredicenne, un ragazzino dunque non imputabile. L’episodio verrà, ed è inevitabile che accada, segnalato al magistrato del tribunale per i minorenni di Palermo.
Gli operatori della comunità che sarebbero stati minacciati di morte e offesi potranno, entro i termini di querela, formalizzare una denuncia a carico del ragazzino che, comunque, appunto, non è imputabile.
incendio comunità accoglienza2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento