Caso di meningite diagnosticato al "San Giovanni di Dio", 24enne trasferito nel Messinese

E' stata disposta la profilassi per i familiari del giovane e per tutti coloro che sono venuti in contatto con il ragazzo   

Foto d'archivio

Al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento è arrivato con febbre alta, rigidità nucale e in stato soporoso. Codice "rosso" che ha immediatamente fatto scattare la macchina degli accertamenti. I dubbi dei medici del pronto soccorso - dubbi subito avanzati visto che i sintomi erano chiari, inequivocabili, - sono stati confermati dal prelievo cerebrospinale e dagli esami effettuati. Accertata la meningite, di tipo batterico, il ventiquattrenne di Aragona è stato subito trasferito al reparto di Malattie infettive di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese. 

In parallelo, l'Asp 1 di Agrigento ha disposto la profilassi per i familiari del giovane aragonese, per gli amici e per tutti coloro che sono venuti in contatto con il ragazzo. La profilassi, in questo genere di casi, è obbligatoria e viene fatta in via precauzionale. 

Dall'azienda sanitaria provinciale di Agrigento sono stati inoltre presi contatti con Malattie infettive di Barcellona Pozzo di Gotto per capire come evolve il quadro clinico del ventiquattrenne. La prognosi resta, inevitabilmente, riservata.    

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento