La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Alcuni sindaci hanno invece deciso di lasciare aperti gli istituti scolastici o di riaprirli dopo che oggi le aule erano rimaste deserte

Sarà allerta "arancione" per il secondo giorno consecutivo. Il maltempo non lascia l'isola e, dunque, neanche l'Agrigentino. La Protezione civile regionale ha diramato un nuovo stato di pre-allarme: sono previsti ancora, almeno fino alle 24 di domani, venti di burrasca, forti piogge e temporali.

Scuole chiuse - questo è certo - a Palma di Montechiaro. Il sindaco Stefano Castellino ha già firmato l'ordinanza che impone un nuovo - per il secondo giorno consecutivo - stop alle lezioni. Disposta anche la chiusura del cimitero. Niente lezioni anche a RiberaSciacca, Menfi, Bivona, Cattolica Eraclea, Calamonaci, Aragona, Licata, Porto Empedocle, Lampedusa e Canicattì. Proprio a Canicattì, nella giornata di domani, sarà sospeso il mercatino della frutta di via Piave.

Tornano ad aprire, invece, i cancelli e i portoni degli edifici scolastici di Agrigento. Lo ha deciso il sindaco Lillo Firetto. Il maltempo, stando a quanto l'amministratore ha accertato, dovrebbe concentrarsi sulla città dei Templi dalle ore 18 alle 24 circa. Riaprono anche - su disposizione dei sindaci Vincenzo Giambrone ed Anna Alba - le scuole di Cammarata e di Favara.

Resteranno aperte, invece, le scuole - su disposizione del sindaco Gianni Picone - a Campobello di Licata. Sempre aperti gli istituti scolastici, ma con divieto di attività all'esterno degli edifici, a Grotte. Scuole aperte anche ad Alessandra, Cianciana, San Giovanni Gemini e San Biagio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In presenza di condizioni strutturali inadeguate dei corsi d'acqua e delle reti fognarie e in caso di beni ubicati in prossimità o all'interno di zone vocate al dissesto idrogeologico e idraulico, - scrivono dalla Protezione civile regionale -  le criticità possono manifestarsi in maniera più gravosa a prescindere dai
quantitativi previsti e/o reali di pioggia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo nuovi dirigenti scolastici, ecco tutti i movimenti in provincia

  • "Stavamo collocando le microspie e ci ha sparato addosso", racconto choc di tre tecnici in incognito

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Scazzottata con tragedia in via Petrarca, 64enne si accascia al suolo e muore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento