Coronavirus e niente reparto di Malattie infettive, Firetto alla carica: "Se non ora quando?"

Il sindaco: "Contro questo virus, che falcia tante vite, le uniche armi, oltre alla scienza, sono: prevenzione e cura. Per la prima, i cittadini, in gran parte, collaborano. Ma per la seconda, la sanità deve a tutti una maggiore e migliore assistenza"

(foto archivio)

Se n'è tornato a parlare - e anche con una certa insistenza - a fine gennaio quando, per malaria terzana maligna, morì la giornalista-insegnante Loredana Guida, 44 anni. Da allora, e oggi più che mai, il tam tam è continuo. Fra le tante esigenze agrigentine, una - di carattere sanitario - torna sistematicamente a galla: il reparto di Malattie infettive. Unità operativa che manca al "San Giovanni di Dio" e negli altri 4 presidi ospedalieri della provincia.

Malattie infettive, quel reparto che non c'è ... ma che potrebbe salvare le vite

 "Se non ora quando?" - è tornato a chiedersi, e non a caso, ieri, il sindaco di Agrigento Lillo Firetto - . 

"È il momento storico per realizzare nella nostra città, capoluogo di una provincia che è terra di frontiera, il primo reparto ospedaliero contro le malattie infettive. Non si possono lasciare i cittadini senza un reparto di così vitale importanza, di cui già ieri c'era l'urgenza - ha scritto Firetto - . Oggi la nostra nazione vive il dramma della lotta tra la vita e la morte di molti pazienti. Contro questo virus, che falcia tante vite, le uniche armi, oltre alla scienza, sono: prevenzione e cura. Per la prima, i cittadini, in gran parte, collaborano e dovranno con ancor maggiore scrupolo, collaborare alle direttive date. Ma per la seconda, la sanità deve a tutti una maggiore e migliore assistenza agendo con responsabile solerzia e creatività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza Coronavirus, primo caso in città: oltre 400 le persone in quarantena fiduciaria
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento