Ubriaco aggredisce la moglie, trovato in possesso di balestra e pistola ad aria compressa: denunciato

I poliziotti hanno sequestrato anche un barattolo contenente vari pallini in acciaio e ben 123 cartucce a salve, di marca Fiocchi, calibro 9

Ubriaco aggredisce la moglie, scaraventandola sul letto. Una lite in famiglia che avrebbe potuto avere anche delle gravi conseguenze se non fossero intervenuti – e in maniera fulminea – i poliziotti della sezione Volanti della Questura. Agenti che, avuta notizia del fatto che l’uomo possedeva delle armi, hanno immediatamente fatto scattare una perquisizione domiciliare. Un’ispezione che ha consentito il sequestro di una balestra con relativo dardo, una pistola ad aria compressa e 123 cartucce a salve. E che ha fatto scattare la denuncia del quarantanovenne agrigentino alla Procura della Repubblica.

E’ accaduto tutto domenica, nel quartiere satellite di Giardina Gallotti. Una donna, raccontando dell’aggressione da parte del marito, ha chiesto “aiuto” alla centrale operativa. I poliziotti della sezione Volanti si sono precipitati. Giunti sul posto hanno ricostruito della lite in famiglia e del fatto che l’uomo, per futili motivi, ma certamente anche perché ubriaco, avrebbe ad un certo punto aggredito la moglie scaraventandola sul letto. La donna, inevitabilmente, era sotto choc. I poliziotti della sezione Volanti hanno appreso poi che l’uomo sarebbe stato in possesso di armi e munizioni e a questo punto hanno fatto scattare la perquisizione domiciliare. Perché gli agenti di polizia giudiziaria che abbiamo notizia, anche se per indizio, dell’esistenza di armi, munizioni o materie esplodenti non denunciate o comunque abusivamente detenute possono – seguendo il testo unico di pubblica sicurezza – procedere immediatamente a perquisizione e a sequestro. E proprio la perquisizione ha consentito, ai poliziotti, di ritrovare una balestra con relativo dardo; una pistola ad aria compressa calibro 4,5, un tamburo con all'interno due cartucce calibro 6,35; un barattolo contenente vari pallini in acciaio e ben 123 cartucce a salve, di marca Fiocchi, calibro 9. Tutto è stato, appunto, posto sotto sequestro, mentre il disoccupato quarantanovenne è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento