"Sequestrato per otto ore dopo l'ordinanza che mi scarcerava", Fresco passa all'attacco e querela

Il sottocapo della Guardia costiera presenta una denuncia anche per omissione di atti di ufficio

Luca Fresco

Omissione di atti di ufficio e sequestro di persona: il quarantaduenne Luca Fresco, sottocapo in servizio alla Guardia Costiera di Porto Empedocle, arrestato il 29 marzo con l’accusa di “traffico di influenze illecite”, presenta una querela nei confronti del suo stesso Corpo di appartenenza perchè, secondo quanto reso noto dai suoi difensori, gli avvocati Raimondo Tripodo e Mariangela Cucchiara, "l'ordinanza che la scorsa settimana gli revocava i domiciliari applicandogli il solo obbligo di dimora è stata notificata con otto ore di ritardo".

"Vendeva posti di lavoro truffa", militare torna libero

Fresco, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe promesso, in cambio di denaro, dei posti di lavoro e dei titoli professionali marittimi, millantando conoscenze importanti.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • Specchio, specchio delle mie brame

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Incidente tra auto e scooter, ferito grave il motociclista: trasferito in elisoccorso

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento