Immigrato si suicida davanti al pronto soccorso, aperta un'indagine interna all'ospedale

Il corpo del giovane, che era ospite di una comunità di Favara, è stato trovato nella zona esterna: in prossimità dell’area in cui stazionano le ambulanze

Un extracomunitario di 32 anni è stato rinvenuto privo di vita nella zona esterna alla camera calda del pronto soccorso, impiccato in prossimità dell’area in cui stazionano le ambulanze. L’uomo, di nazionalità marocchina e ospite di una comunità di Favara, era giunto in ospedale attraverso il servizio di 118 alcuni minuti dopo la mezzanotte. Dopo le operazioni di triage, al paziente era stato assegnato un codice "verde" - hanno ricostruito dall'azienda sanitaria provinciale - ed era stato invitato ad accomodarsi nella sala d’aspetto interna per la successiva visita dei medici. Ma alle chiamate dei sanitari, dopo circa una mezz’ora dall’accettazione, il giovane non ha risposto e non era presente nella hall d’attesa. Il corpo è stato ritrovato all'esterno, senza più vita. Sul posto, sono accorsi i poliziotti della sezione Volanti della Questura. Agenti che hanno anche acquisito le immagini del sistema di video sorveglianza. I filmati hanno, appunto, confermato che s'è trattato di un suicidio. Sul posto, anche i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il direttore generale dell’azienda sanitaria provinciale di Agrigento, Giorgio Giulio Santonocito, ha già avviato un’indagine conoscitiva interna per verificare il susseguirsi dei fatti. Santonocito ha espresso amarezza e un profondo cordoglio per quanto verificatosi. "I ristretti tempi degli avvenimenti non hanno purtroppo consentito - concludono dall'Asp - l’eventuale chiamata al medico psichiatra reperibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento